Cerca Prestiti

Avigliano, 23, Via Nazionale, 85021 Tel: 097187014
San Basilio, 11, Via Umberto I, 09040 Tel: 0709805218

Prestiti Notizie

Nessun content

Richiesta dell’Austria per aumentare controlli al Brennero respinta dall’UE

La Commissione europea ha detto no alla richiesta fatta dall’Austria di intervenire, in deroga a quanto previsto dal trattato di Schengen, in misura preventiva con dei controlli sulla tanto discussa frontiera del Brennero.

A fare richiesta di maggiori controlli, tempi indietro, anche Berlino, che, ora, si schiera nuovamente dalla parte dell’Italia. Vienna, dopo aver rinunciato al muro, dovrà dire addio a ogni tipo di potere nei confronti dei migranti intenti ad attraversare il confine italiano verso quello austriaco, sperando che l’Italia, che ora si trova di nuovo “sotto attacco” con migliaia di arrivi, si dimostri in grado di tenere sotto controllo la situazione, mantenendo la parola data.

 

Giovedì 12 maggio il Consiglio UE si è riunito approvando la proposta della Commissione, secondo cui alcuni Paesi particolarmente coinvolti nella faccenda migranti (Germania, Austria, Svezia, Danimarca e Norvegia) hanno ricevuto il via libera di mantenere i controlli, solo sulle frontiere Schengen e quindi già presenti, per altri sei mesi.

 

Ma l’Austria e la Germania avevano richiesto che questi venissero applicati anche a nuove frontiere, come quella del Brennero, cosa che avrebbe impiegato, invece, allo stato attuale, un procedimento più complesso e che si sarebbe attenuto, comunque, al trattato di Schengen.

 

Vienna ha, però, dovuto rinunciare a ogni speranza rimasta di tenere lontani i migranti, con un “no” secco da parte della Commissione e del Consiglio europei. Questi hanno respinto la proposta perché non in linea con la nostra comunità e anche il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schäuble, è intervenuto dicendo che l’Austria dovrebbe aiutare l’Italia, invece di isolarsi con degli ulteriori controlli.

 

Il dato di fatto è che è l’Europa che dovrebbe fare di più per controllare il problema dei migranti, bisognerebbe lavorare di concerto e non affidarsi a soluzioni che, come in questo caso, minerebbero la base su cui si fonda proprio l’UE.

Altre Notizie Correlate

Prestiti in aumento con l’inizio del nuovo anno 2016

Con l’inizio del 2016 è stato registrato un incremento del ...

Il via all’accordo UE-Turchia: migranti espulsi dalle coste greche

Si dà il via all’accordo UE-Turchia e arrivano i primi ...

Bonus Bebè 2015: 500 euro bambini nati nel 2014

L’Inps eroga 500 euro per bambini nati nel 2014, che ...

Come richiedere un prestito senza busta paga

Quando si chiede un Prestito di qualsiasi tipo, per motivi ...

Banca Sella prestito per quattordicesima

Per le imprese in difficoltà Banca Sella lancia un ...

Crescono i mutui, ma anche le sofferenze bancarie

L’ABI, Associazione Bancari Italiana, ha fatto sapere che i privati ...

Cerca Finanziarie

Roma, Via Del Quirinale, 30, 00187 Tel: 064740226
Porcia, 67, Via Roveredo, 33080 Tel: 0434590489
Udine, Via Rialto, 1, 33100 Tel: 043226495
Roma, Via Di S. Martino Della Battaglia, 19/21, 00185 Tel: 0620398548