Cerca Prestiti

Firenze, Via Canova Antonio, 63, 50142 Tel: 055589837

Prestiti Notizie

Nessun content

Italiani in fuga per il 25 aprile: il mare come meta preferita

7 milioni e 400mila italiani approfitteranno del ponte del 25 aprile per regalarsi una vacanza, prediligendo il mare, ma conservando un’ottima posizione anche per le città d’arte. Saranno in pochi quelli a recarsi all’estero, preferendo rimanere nel proprio Paese, che, tra l’altro, è già ricco di suo di numerose bellezze sia naturali che artistiche. I numeri sono positivi, rappresentando pur sempre un contributo alla ripresa dell’economia.

I dati provengono da Federalberghi e, tra l’altro, il presidente dell’associazione, Bernabò Bocca li ha commentati come “incoraggianti”, confermando una ripresa del settore. Sembra che l’89,4% degli italiani preferirà rimanere in Italia, mentre solo il 10,1% si regalerà una vacanza all’estero, puntando alle più grandi capitali europee.

 

Il mare viene preferito, ancora una volta, con il 43,6%, seguito dalle località d’arte con quasi il 22% e dalla montagna, che, con la fine della stagione, viene scelta solo dal 18%. Percentuali nettamente inferiori per i laghi, i centri termali e benessere e le crociere, rispettivamente con il 4,1, il 3,1 e l’1,1 per cento.

 

Per quanto riguarda l’estero, sembra che le più richieste siano le grandi capitali europee, con il 58% a rappresentare la preferenza degli italiani, mentre a queste seguono le località marine con il 22%. In ogni caso, l’abitazione preferita a cui appoggiarsi rimane quella famigliare, dove i parenti si riconfermano la migliore compagnia, nonché fonte d’ospitalità, con il 28,6%, seguiti dagli alberghi con il 26,4% e dalle case con l’11%.

 

Agli ultimi posti Bed and Breakfast, agriturismi e residence.
Questo fa sorgere, tuttavia, un dubbio: l’Italia è veramente in crisi così come si dice? L’italiano sente la crisi e, se sì, qual è il motivo che lo spinge a fare vacanza, nonostante tutto? Difficile dare una risposta, se non quella che certe abitudini radicate nel profondo sono dure a morire, per fortuna.

Altre Notizie Correlate

Si dimette il primo ministro turco Ahmet Davutoglu, linea troppo moderata

Il primo ministro della Turchia, Ahmet Davutoglu, ha deciso di ...

Misa: nuovi fondi per imprese nel 2015

Il Ministero dello Sviluppo Economico eroga Finanziamenti alle imprese ...

Bonus mobili per giovani coppie: come funziona

Entra in vigore la riforma del 2016 che va in ...

Prestiti pluriennali diretti Inpdap 2015 pensionati

Un pensionato come un dipendente pubblico, può ricorrere al ...

Il via all’accordo UE-Turchia: migranti espulsi dalle coste greche

Si dà il via all’accordo UE-Turchia e arrivano i primi ...

Assunzioni diminuite del 50% rispetto al 2015

Arrivano i dati ufficiali dell’Inps e sembrerebbe che il nuovo ...

Cerca Finanziarie

Avellino, Via Dalmazia, 47, 83100 Tel: 0825792076
Casalpusterlengo, Piazza Leonardo Da Vinci, 1, 26841 Tel: 037792341
San Marco Evangelista, Via Censi, 5, 81020 Tel: 0823457178
Rimini, Via G. Garibaldi, 147, 47921 Tel: 05411847000