Cerca Prestiti

Roma, P. Di S. M. Liberatrice, 12/13, 00153 Tel: 0657305252
Comacchio, V. Matteotti, 46, 44022 Tel: 0533326176

Prestiti Notizie

Nessun content

Finanziamenti 2015 a fondo perduto per imprese femminili

I finanziamenti a fondo perduto possono essere finanziamenti comunitari, statali o regionali che vengono erogati per incrementare lo sviluppo delle imprese con la modalità fondo perduto, in conto capitale o in conto interessi.

I finanziamenti a fondo perduto ovvero in questo caso si ha che una parte del finanziamento non ha obblighi di restituzione e una parte è concessa al tasso agevolato dello 0,5% da rendere in 10 anni.

Per l'imprenditoria femminile sono regolati dalla Legge 215 e si rivolge in modo particolare a:

- Società di capitali in cui almeno i 2/3 delle quote di partecipazione siano in possesso di donne

- Società cooperative o di persone costituite almeno al 60% di donne

- Imprese individuali gestite da donne

- Imprese consorzi, associazioni le cui quote siano possedute al 70% da donne

Per poter accedere ai finanziamenti a fondo perduto destinati all’imprenditoria femminile i soggetti beneficiari devono rientrare nella tipologia di “piccola impresa” con meno di 50 dipendenti e con un fatturato inferiore ai 7 milioni di euro o un totale di bilancio inferiore a 5 milioni di euro.

I finanziamenti per l’imprenditoria femminile possono essere concessi nei seguenti settori: Industria, Artigianato, Commercio, Servizi, Turismo.

I finanziamenti a fondo perduto possono essere richiesti per i seguenti motivi: Avvio nuova attività, Acquisizione di un’attività già esistente, Progetti di innovazione


Vincoli da rispettare per non perdere il beneficio dopo l'erogazione del prestito:

- La composizione della società non deve cambiare la sua struttura relativamente alla presenza di donne dopo l’erogazione del finanziamento

- Accedendo ai finanziamenti per l’imprenditoria femminile non si possono presentare ulteriori domande per i finanziamenti regionali i statali

- I beni acquistati con il finanziamento non possono essere ceduti o venduti nei 5 anni successivi all’erogazione del finanziamento stesso

Altre Notizie Correlate

La fine dei 500 euro? Lo decide il 4 maggio la BCE

La banconota da 500 euro è ufficialmente destinata all’estinzione e ...

Misa: nuovi fondi per imprese nel 2015

Il Ministero dello Sviluppo Economico eroga Finanziamenti alle imprese ...

Prestiti, le richieste in aumento nei primi nove mesi dell’anno

Secondo le ultime novità che arrivano dal mercato italiano dei ...

Brexit: Johnson a sostegno dell’uscita dall’Unione Europea, Cameron si oppone

Da poco è stata annunciata la possibile uscita della Gran ...

Richiesta dell’Austria per aumentare controlli al Brennero respinta dall’UE

La Commissione europea ha detto no alla richiesta fatta dall’Austria ...

Crescono i mutui, ma anche le sofferenze bancarie

L’ABI, Associazione Bancari Italiana, ha fatto sapere che i privati ...

Cerca Finanziarie

Bolano, 1, Via Dietro Castello, 19020 Tel: 0187933875
Palmas Arborea, 3, Via Rinascita, 09090 Tel: 078328447
Avellino, Via Dalmazia, 47, 83100 Tel: 0825792076
Roma, Via Cola Di Rienzo 212, 00192 Tel: 0668136742